Velocità e processo civile

 

di Bruno Capponi


Dum pendet, rendet. Questo falso brocardo (inventato, sembra, da Piero Calamandrei, che ha voluto rendere in latinorum un vecchio detto toscano) sembra dirci che la durata del processo civile, e dunque la non-velocità, produce una rendita per qualcuno. E questo “qualcuno” sembra debba es-sere l’avvocato, posto che per il giudice il dato potrebbe es-sere indifferente. Forse la massima ha un riflesso di tipo ot-tocentesco, quasi manzoniano: ogni volta che il semplice si recava dal difensore, che gli parlava in modo da non farsi capire, doveva “bussare coi piedi”. O possiamo richiamare, dopo, i film di Alberto Sordi nei quali l’avvocato, prima di entrare in udienza (e ottenerne la condanna), riceve e na-sconde sotto la toga il “fagottello” dell’imputato. La realtà – almeno quella attuale – è ben diversa. La veloci-tà dei giudizi è un valore a sé stante come indicano le clas-sifiche del Doing Business, in un sistema non più solo na-zionale ove le ragioni dell’economia sembrano sempre più prendere il sopravvento su quelle della giustizia (il punto meriterebbe di essere trattato a parte). Dalla giustizia “giu-sta” degli anni ’80 si è approdati alla giustizia “veloce”, pas-sando per l’affermazione del diritto alla “ragionevole dura-ta”. Come si può rendere la giustizia civile più veloce?
Paradossalmente, la risposta del nostro recente legislatore è stata nel senso di renderla meno accessibile. In primo grado si sono introdotte, per determinate e non secondarie materie, le condizioni di procedibilità che si sono rivelate improduttivi parcheggi di contenzioso; nelle impugnazioni, si sono moltiplicate le condizioni di ammissibilità, talune stabilite per legge (sia pure con scarsa chiarezza e improprietà di linguaggio, alimentando i dubbi e le confliggenti interpretazioni) talaltre “create” dal giudice stesso (si pensi all’autosufficienza del ricorso per cassazione o alla specificità dei motivi). Ottenere una pronuncia di merito è ora più difficile di un tempo, e soprattutto …serve più tempo. Dall’accesso alla giustizia degli anni ’60 in poi si è passati al respingimento dei contenziosi. Al raggiungimento dell’obiettivo della velocità è stata ispirata la riforma del giudizio di primo grado (se ne auspicava l’accelerazione sin dal titolo dei d.d.l. governativi della IX Legislatura, ministri della giustizia prima Rognoni e poi Vassalli), e così a partire dalla legge n. 353/1990. Ma il sistema delle preclusioni ha fatto largo uso di concetti inde-terminati (si pensi alle eccezioni rilevabili d’ufficio, o alla modificazione/integrazione della domanda), sui quali la giurisprudenza, dopo trent’anni, si sta ancora interrogando. La vulgata è stata l’ingessamento del giudizio sui contenuti degli atti introduttivi, con una duplice conseguenza negati-va: la tendenziale inattendibilità della rappresentazione della realtà che ha luogo nel processo; la proliferazione dei contenziosi, perché ciò che risulta precluso nel giudizio di primo grado tenderà a proporsi, o riproporsi, in un separato giudizio. E la proliferazione è nemica della velocità, come della certezza.

La velocità è stata perseguita anche con la sommarizzazione dei giudizi, ma il principale strumento di tale nuovo corso – il procedimento sommario di cognizione (artt. 702 bis e ss. c.p.c.) – è stato un grande flop: e, anche qui, sono sorte discussioni interminabili sulla differenza fra cognizione ordinaria e sommaria, alla ricerca del proprium della nuova forma di tutela (cognizione sommaria, decisione non sommaria: un apparente ossimoro).

Quando si decide di correre, ciò avviene sempre col sacrificio dei poteri delle parti: a cominciare dai termini processuali, che spesso sono stati ridotti senza alcun vantaggio per la durata complessiva dei giudizi. Ma chi vede il suo giudizio durare anni nel solo primo grado inizia a chiedersi perplesso come mai abbia dovuto sottostare a preclusioni processuali fin dagli atti introduttivi; perché avrà dovuto correre col rischio di commettere errori irrecuperabili (o difficilmente recuperabili), se poi ha dovuto intrupparsi in una coda informe destinata a durare anni. La velocità non può essere la cifra soltanto di taluni, in quell’actus trium personarum (ma sovente sono molti di più …) che è il processo civile. La realtà fuori del processo si modifica nel tempo in cui il giudizio stancamente si dipana, ma il processo resta sclerotizzato nelle sue rigidità che sembrano ritagliate sulle esigenze di un avvenimento destinato a durare pochi mesi, se non poche settimane. E che invece dura facilmente dei lustri, dopo aver imposto alle parti di affrettarsi per compiere le attività iniziali sotto la minaccia di decadenze e preclusioni. In tal modo, si moltiplicano i casi di ingiustizia della decisione per essere la realtà processuale un fotogramma fermo che tanto più si distacca dalla realtà effettiva in continuo movimento quanto più tempo trascorra tra l’introduzione del giudizio e la pubblicazione della sentenza. Un processo a preclusioni rigide è accettabile se i suoi tempi di definizione siano brevi; ma se così non è, perde qualsiasi significato il sacrificio imposto alle parti che spesso ot-tengono, dopo anni e anni di attesa, decisioni che più non si adattano alle mutate condizioni della loro realtà.

L’idea della velocità richiama alla mente l’utilizzo di un mezzo meccanico, di un’autovettura. Quella di cui disponiamo è però un’utilitaria che non funziona, e non è certo colpa di chi è chiamato soltanto a utilizzarla. Non si cammina con una macchina rotta. È la macchina a dover essere riparata. Gli interventi del legislatore, che si sono susseguiti dal 1990 in poi, dimostrano soltanto che le regole del processo – possiamo forse definirle il software – non creano la velocità e l’efficienza se l’hardware non funziona, o semplicemente non c’è. La lentezza insopportabile della giustizia civile – che è il più vistoso, ma non certo l’unico problema del settore – dipende principalmente dall’esiguo numero dei magistrati addetti, dallo squilibrio esistente tra i diversi uffici giudiziari, dalla carenza di risorse.

Il dibattitto sulla crisi della giustizia civile si articola in rivoli che spesso confliggono tra loro: l’adeguamento degli organici, le concezioni aziendalistiche del servizio giustizia, il limite degli investimenti finanziari, i modelli organizzativi come plausibile alternativa alle riforme e agli adegua-menti delle risorse (c.d. progetto Strasburgo, concepito dal dipartimento dell’organizzazione giudiziaria del Ministero della giustizia negli anni 2014-2015), il reclutamento e la formazione permanente dei magistrati, la magistratura onoraria (il vero “bubbone” pronto a esplodere per disvelare l’effettiva nudità del Re: vale a dire la cronica scopertura degli organici), le ricorrenti e vacue lamentele sull’eccessivo numero degli avvocati. Nel dibattito, l’attenzione è spesso sviata dal tema dell’inadeguatezza delle risorse a quello di una narrazione denigratoria e fuorviante: i magistrati sono «fannulloni strapagati», le risorse esistenti sono sufficienti e vanno sol-tanto meglio organizzate, i magistrati onorari – con buona pace dei princìpi costituzionali – possono fare tutto quello che i magistrati professionali non riescono a smaltire, gli avvocati – che non sono più gli intellettuali e paternalistici notabili ottocenteschi – alimentano il contenzioso per me-re ragioni di sopravvivenza, dovendo rinunciare alla funzione di filtro delle liti più infondate e temerarie al solo scopo di campare. Un mondo non di professionisti ma di poveri cialtroni, in cui anche l’Università gioca la sua parte, ovviamente in negativo, sfornando a ciclo continuo una massa di laureati insufficientemente preparati che va a inevitabilmente alimentare la parte più stracciona e inattendibile dell’avvocatura.

La confusione è la prima nemica della velocità. Questa richiama poi l’idea di una decisione rapida, composta di poche, sintetiche battute. Potranno in questo aiutarci le macchine, l’informatica? L’attuale esperienza sembra dirci di no. Non esistendo limiti legali alla estensione degli atti del processo, l’avvocato può, grazie all’informatica, riprodurre ad libitum i propri scritti defensionali, affastellando gli uni su-gli altri sino ad attingere estensioni prima impensate; ma sempre più spesso il fenomeno interessa anche il giudice, che utilizza nella sua motivazione stralci degli atti di parte, o rinvia ad essi per relationem (il giudice sembra sempre autorizzato a copiare se stesso, gli altri giudici, il consulente tecnico, gli atti del processo da utilizzate per l’eterointegrazione del titolo-sentenza, e così via). In una parola: l’informatica è troppo spesso utilizzata per il copia-incolla, il che non facilita la semplicità e velocità dei giudizi. Il canone della sinteticità è spesso richiamato assieme a quello della chiarezza, ma essere chiari e sintetici è qualità di pochi, ed è qualità che va coltivata col duro lavoro: ci vuole tempo, studio, dedizione, personali virtù di base per riuscire ad essere sintetici e chiari.

La velocità – o, meglio, la sua mancanza – diventa un problema soprattutto in quei casi in cui una delle parti (di solito l’attore, ma a volte la causa viene iniziata proprio da chi vuol prendere tempo sapendo che la durata del giudizio si esprime in anni: si parla tecnicamente di azione in prevenzione) ha fretta di ottenere la sentenza: l’attuale sistema gioca indubbiamente a favore di chi abbia intenti soltanto dilatori. E un sistema siffatto è certamente contrario ai principi del “giusto processo” (art. 111, comma 1, Cost.) quali deducibili anche dall’art. 6, par. 1, della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’Uomo. L’eccessiva durata del giudizio civile (la non-velocità) confligge sempre con l’interesse di una parte in particolare, vale a dire quell’«attore che ha ragione» di cui parlava Giuseppe Chiovenda nei suoi notissimi e citatissimi Principii. Se è vero che il diritto a una giustizia civile rapida ed efficiente è diritto di tutti, è altrettanto vero che è sempre una parte in particolare a soffrire delle lungaggini del processo: ed è in genere la parte che ha ragione. Velocità e processo, velocità e giustizia sono termini che, allo stato, risulta impossibile accoppiare, o anche soltanto considerare insieme. La non-velocità è, sempre più spesso, il radicamento dell’ingiustizia.
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime