Trasmettere conoscenza

La vastità del sapere che pesa sulle nostre spalle (come sull'elefante di Bernini che sorge su Piazza Minerva a Roma) disorienta, a volte persino angoscia. Non è infatti solo il sapere (sempre più grande) dei secoli passati, non è solo il sapere, incalzante, della trasformazione tecnologica moderna, non è neppure l'estensione globalizzata di questo sapere, in campi sempre nuovi, e che velocemente vanno moltiplicandosi: la questione è la fatica cagionata dalla velocità dei processi di trasmissione del sapere. L'incremento della velocità tende a corrispondere a un decremento dello spessore, della compiutezza, della memoria del sapere. Come trasmetterlo, il sapere, efficacemente? Com'è proprio della sua natura dialogica, discreta, e quasi sempre gentile, Areopago ha raccolto, per Aprile, contributi molto diversi, e tutti però molto personali. Essi delineano temi essenziali, pur in questa (ricca) diversità. Un tema è la passione che serve a trasmettere realmente sapere. Altro tema è la necessità di inventare sempre in modo originale, profondamente creativo gli accessi alla conoscenza e lo scambio di saperi. C'è poi il tema della "crisi" sistemica della trasmissione di conoscenza nella scuola e nell'università. Ci sono poi desideri di trasmissione di conoscenza molto intimi, eppure straordinariamente importanti ed efficaci, come quello che riguarda le nozioni utili a manutenere un bel giardino. Infine, c'è quella cinghia di trasmissione, delicata e vitale, di sapere, di consapevolezza, di verità, che attraversa le librerie, soprattutto quelle indipendenti. Una piccola certezza, ma luminosa, emerge da questi scritti: senza passione, senza spirito di servizio, senza visione, la conoscenza non viene trasmessa, e il mondo si riduce a uno scambio di tecniche che rende infine infelici i nostri brevi passaggi su questo pianeta. Buona lettura

La Redazione
 
Maggio 9, 2022

L’associazionismo giudiziario in Europa, il pluralismo culturale e il paradosso italiano

Maggio 5, 2022

Trattare l’essere umano strategicamente

Maggio 4, 2022

La libertà e lo Stato indifferente

Gennaio 26, 2022

Brevi variazioni napoletane semi-serie sullo sguardo critico

Gennaio 26, 2022

Sguardo critico

Gennaio 25, 2022

Io so tutto (alla ricerca dello sguardo critico)

Gennaio 18, 2022

Lo sguardo critico del demone interiore

Gennaio 18, 2022

Sguardo critico globale

Dicembre 27, 2021

Banalmente crudeli

Dicembre 23, 2021

Lo sguardo disperso

Dicembre 22, 2021

ATTENDERE LA SCARICA DI DOPAMINA

Dicembre 22, 2021

Cos’è, lo sguardo critico

Dicembre 22, 2021

Lo sgabello

Dicembre 14, 2021

Umami. Il nuovo senso critico

Dicembre 14, 2021

Miopia endemica

Dicembre 14, 2021

Per farci tornare a quel che siamo

Novembre 30, 2021

La cura dello sguardo

Ottobre 4, 2021

Come ho spiegato ad una bambina (mia nonna malata di Alzheimer) che stava per morire

Ottobre 2, 2021

L’enigma del tempo

Ottobre 1, 2021

“Creatio continua” e memoria

Ottobre 1, 2021

Dissolvenze

Ottobre 1, 2021

Tempo possibile e tempo impossibile

Settembre 29, 2021

Il tempo immaginato

Settembre 29, 2021

Bianca

Settembre 29, 2021

Risorse del tempo

Settembre 28, 2021

Segni del tempo

Settembre 28, 2021

Io, Edipo e la Sfinge

Settembre 28, 2021

Esiste il tempo?

Settembre 28, 2021

Non puoi uccidere il tempo col cuore

Luglio 30, 2021

Il mare e la libertà

Luglio 30, 2021

La fatica del mare

Luglio 29, 2021

Aleph: insospettabile manifesto non aritmetico di giustizia libera

Luglio 28, 2021

Il confine tra libertà e solitudine

Luglio 28, 2021

La disciplina del mare

Luglio 27, 2021

Apeiron – mare e libertà

Luglio 27, 2021

Riviera