Sentire e
gustare

 

di Gennaro Pagano


Francesca è una ragazza speciale. Sì, ha una difficoltà dovuta ad una sindrome che le procura problemi cognitivi tra cui quelli relativi al linguaggio anche se a volte mi domando se il problema invece non sia il mio che faccio fatica a capirla, ad intenderla e a non comprendere la lingua madre attraverso cui Francesca parla: gli abbracci. Francesca non dà abbracci. È un abbraccio. Che ti avvolge, ti stritola, ti stringe e che a volte quando va in overdose ti lascia anche un bel mal di schiena.
Per Francesca l’abbraccio è la parola che dice tutto: amore, voglia di stare insieme, gratitudine, ma anche desiderio di consolazione, riconoscimento, conforto. Per lei l’abbraccio ha una funzione di congiunzione che le consente di dire “siamo io ‘e’ te” qui, insieme. Siamo un “noi”. Attenzione però, non confondete questa mia amica con una consumatrice di abbracci o una divoratrice di emozioni. La sua è un’arte che richiede un ritmo sacrosanto ed inviolabile: la lentezza.

Gli abbracci di Francesca puoi viverli intensamente, assaporarli, gustarli. “Non è l'abbondanza del sapere a saziare e soddisfare l'anima, ma lo è il sentire e gustare le cose internamente”: ecco, la mia amica sottoscriverebbe con assoluta convinzione quest’affermazione di S. Ignazio di Loyola e se fosse stata sua contemporanea avrebbe abbracciato anche lui per dimostrargli che un suo solo abbraccio può valere quanto un mese di esercizi spirituali. Nel tempo della velocità, del consumo sfrenato di stimoli, delle emozioni 5g, veloci e mutevoli come una pagina social, questa ragazza speciale è una maestra spirituale.
Perché nella sua lentezza è solida, profonda, reale, gustosa. E con la sua forza riesce a trattenere perfino me che con il correre quotidiano rischio di perdermi molti pezzi di vita. Avremmo tutti bisogno di un’amica come Francesca. Di un’insegnante di riti sacri. Di una maestra di lentezza. Di un’allenatrice di abbracci veri, sostanziosi.

Francesca è un antidoto alla velocità che in molti casi, più di quanto si immagini, è sinonimo di superficialità. 'A gatta pe' jì 'e pressa, facette 'e figlie cecate’: la sapienza di questo proverbio napoletano - traducibile con "la gatta per fare presto fece i figli ciechi" - declina la necessità di fare le cose nei tempi giusti e senza inutile fretta, altrimenti le conseguenze delle nostre azioni possono addirittura danneggiare noi e chi ci sta intorno. Per carità sia chiaro: in alcune situazioni essere veloci è essenziale, soprattutto quando occorrono risposte urgenti ad eventi imprevisti.

Ma attenzione, è sempre in agguato la tendenza irrefrenabile a trasformare il bisogno in urgenza e il desiderio in necessità impellente. Così per soddisfare la voglia di far presto, corriamo sull’autostrada della nostra vita senza mai guardare fuori dal finestrino, perdendoci paesaggi immensi e visioni meravigliose.

Ma Francesca no. Non se li perde. Lei sa sostare ed abitare il presente. Assapora tutto. Fino in fondo. Lei ha questa abilità. Io no. Non la ho. Per questo quando ricevo il suo abbraccio so che il disabile sono io. Cari lettori, se potete, sceglietevi un’amica come Francesca, lenta nell’accostarsi a voi ma veloce nell’arrivarvi dentro.
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime