Riflessioni di un "solitante"

 

di Antonio Lepre

La solitudine è secondo me l’incomunicabilità. L’impossibilità di far comprendere a chi ti è vicino i tuoi sentimenti, emozioni, movimenti dell’animo. Non ho mai avuto una concezione positiva della solitudine. Certo, è chiaro che spesso restare soli è una cosa positiva; ma, come è ovvio, una cosa è restare con se stessi e i propri pensieri, altro è sentirsi isolato, abbandonato: la solitudine è questo, è uno stato negativo della vita umana.

La cosa che oggi, in questi tempi cupi, mi turba di più, però, non è la solitudine come concetto astratto o come ispirazione di grandi movimenti artistici e poetici che hanno sondato ogni piega della presunta incapacità di comprendersi l’uno con l’altro. Anche perché devo dire che la mia esperienza ad oggi è, sotto quest’aspetto, sostanzialmente positiva: il destino mi ha regalato il dono di incontrare persone, amici, parenti che puntualmente intervengono, anche inconsapevolmente, a colmare una sorta di horror vacui che talvolta mi attanaglia e mi lascia come disperso nelle mie riflessioni ed emozioni.

Oggi, la solitudine che mi fa venire il ghiaccio nelle vene è di tutt’altra natura ed è tragicamente pratica. E’ la solitudine drammatica che si consuma nei due organismi sociali più importanti delle nostre esistenze, quello della famiglia e dello Stato.

Quando vi è libertà di movimento e di evadere da una situazione domestica che si sente oppressiva e ingiusta, il dolore di una vita collettiva vissuta nella solitudine può essere attutito e in qualche modo compensato dalla distrazione e da un incontro piacevole.

La chiusura forzata in casa, con l’uomo o la donna o i figli con cui non vi è più reale dialogo, deve essere qualcosa di devastante, come può esserlo solo il metterci davanti agli occhi ogni secondo della giornata la disperazione di vite che hanno perso un senso, il piacere di essere vissute e godute nel profondo. La fuga può essere criticabile quanto si vuole, ma in certe situazioni è l’unica terapia e balsamo dell’anima. A questa solitudine nelle famiglie, si somma quella nello Stato.

Io sono in realtà un privilegiato per condizione economica e sociale. Eppure, persino io sento talvolta un senso profondo di smarrimento e di abbandono e di profonda frustrazione nel vedere, senza poter fare alcunché, i figli senza scuola reale, amici e sport, e i genitori anziani privati persino della possibilità di coltivare quelle poche relazioni che la senilità pure consente.

E allora immagino come deve essere feroce e implacabile la solitudine del malato di covid abbandonato a casa e dei suoi familiari e la solitudine di chi vive in famiglie disgregate senza un sostegno psicologico, senza iniziative che, ad esempio, mirino a monitorare e supportare in qualche modo almeno i casi più disperati di disagi familiari, quali quelli che si manifestano in casi di violenza domestica o dove si convive con la malattia mentale.

Cosa ne è di queste persone? Cosa ne è di queste donne, figli, uomini oggi? Chi se ne occupa? Chi li assiste? Chi, in una parola tanto banale quanto però vera, gli vuole bene?
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime