Pulire

lo specchio

 

di Paola Laudadio

La metrica del suono dei miei stivali sul pavimento fu il primo fusello da muovere per Sergio. Mi aspettava seduto sulla poltrona di pelle con i braccioli sciupati dalle carezze continue delle sue mani. La finestra era sempre aperta e un carretto di legno traboccava di fiori, tante piante sparse sul pavimento e tutte rigorosamente in fiore.

Il profumo dolciastro si mescolava alla nube opaca di tabacco delle innumerevoli sigarette, a volte due in contemporanea. Ci addentravamo a esplorare il mio mondo interiore e il fumo ci aiutava ad affrontarlo. Fumavo e parlavo, lasciavamo le sigarette accese nei posacenere a consumarsi velocemente insieme al tempo e all'aria che diventava irrespirabile.

"Paola, che passo da guerriera!". "Sergio, sono una larva". Abbassava le palpebre nei suoi rettangoli di tartaruga. Tesseva la mia terapia con la perizia e la tecnica del ricamo a tombolo. All'inizio di ogni seduta c'era un accenno ai miei capelli o al timbro di voce, al sorriso, ai miei passi, erano i fuselli che muoveva, uno dopo l'altro. Il disegno del ricamo lo aveva già chiaro nella testa.

Fino al giorno che arrivò dritto al nodo: "Paola, specchi a casa non ne hai?" Gli specchi, soprattutto in quel periodo, non li vedevo affatto. In realtà non vedevo nulla, aldilà del dolore spalmato in più strati di cemento, uno sull'altro. C'era la mia sofferenza, quella delle mie figlie, le bugie, l'inganno, le macerie di una vita da rimuovere e null'altro sullo specchio. Eppure dovevo essere molto bella con quella stola di dolore sulle spalle, le occhiaie tatuate, il passo inconsapevole di guerriera e le ossa che si potevano contare.

Sergio indossava camicie a volte logore o macchiate e pantaloni stretti da non riuscire a chiuderli. I capelli arruffati e gli occhi sempre alla ricerca di qualcosa da cogliere. Era agli antipodi del tradizionale canone estetico borghese. Un uomo geniale e mi beavo della sua bellezza estasiante. Amava circondarsi di fiori e il giorno che è morto all'improvviso, sono corsa dal suo fioraio a comprare le rose rosse più belle che ci fossero.
Le ho poggiate ai suoi piedi, Sergio con il suo sguardo sornione ascoltava i miei passi che percorrevano la lunga navata della chiesa e questa volta taceva, solo lui poteva sapere di avere terminato il suo ricamo a tombolo. Ancora oggi, quando qualcosa mi crea squilibrio ripeto le sue dinamiche, prendo i fuselli in mano a uno a uno e inizio il ricamo.

Non ho fatto in tempo a raccontargli molte cose, per esempio che Antigone è stata la mia eroina sin dai tempi del liceo. Antigone che nel raggiungimento del desiderio diventa incredibilmente bella: a volte la realizzazione dei desideri, seppure estremi, corrisponde con il momento di massima bellezza. Sul precipizio tra la vita e la morte, il fulgore della bellezza irradia Antigone. Il desiderio di verità, rispetto e dignità metteva in luce la mia bellezza, in bilico tra la morte di un progetto di vita, la voglia di giustizia e il dovere di restare madre.

"L'effetto del bello risulta dal rapporto dell'eroe con il limite", scriveva Lacan a proposito di Antigone. "Non c’è mai una fine: ci sono sempre nuovi suoni da immaginare, nuovi sentimenti da cogliere. Purificandoli potremmo vedere, allo stato puro, ciò che abbiamo scoperto, cosa siamo. Ma per farlo, e dare a chi ascolta l’essenza, dobbiamo continuamente pulire lo specchio”. John Coltrane. Quando finalmente ho pulito lo specchio, ho visto la bellezza di quel pizzo a tombolo creato dalla maestria di Sergio.
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime