"Lentius", allora

 

di Laura Gargano


“Citius altius fortius” è il motto degli atleti olimpici dal 1894. Perché da oltre un secolo la velocità è un valore. Bisogna andare più veloci, reagire più veloci, elaborare pensieri, emozioni e lutti più veloci. La velocità è il valore. Non importa cosa tu debba fare. Lo devi fare veloce.
La vita non va vissuta, va rubata a morsi, ed a passo veloce. Sennò, se non ti affanni non sei bravo, non sei performante, sei una nullità. E non importa se la velocità mortifichi contenuti, elaborati, risultati richiesti. L’importante è solo reagire in velocità agli stimoli esterni. A qualunque costo, compreso quello di evitare qualsiasi analisi di realtà. A costo di sbagliare tutto e fare danni. Ma senza gran senso di colpa.

Dovevamo andare veloci. Eppure. La velocità, di pensiero, di esecuzione, di reazione fa spesso promesse che tradiscono le attese. Ci voleva un virus, per noi veloci, a dimostrarlo in modo pacifico ed evidente.
Una forma di vita precellulare, la più semplice tra le viventi. Tanto più veloci siamo andati quanto più forte abbiamo sbattuto contro la stasi della malattia, della paura, dell’impotenza. Come delle auto lanciate in corso che si sono schiantate contro un ostacolo imprevisto, spesso distruggendosi.

Ed allora meglio il respiro profondo della dispnea, la meditazione del pensiero istantaneo, la ponderazione dell’ipereattività. Solo così forse avremo una speranza, anzi più d’una: di allinearci con noi stessi, di tessere relazioni durature, di amare con profondità.

Piano piano, diceva la mia nonna, tutto si aggiusta. "Lentius", allora. Se vogliamo provare qualcosa che somigli alla serenità.

 
Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime

Dicembre 30, 2020

Il sonno dell’anima e della coscienza

Dicembre 30, 2020

La sedia vuota

Dicembre 30, 2020

Solitudine. Empatia. Giustizia

Dicembre 30, 2020

“Solitude”

Dicembre 30, 2020

Siamo Soli…

Dicembre 30, 2020

“La patria dei forti”

Dicembre 30, 2020

La Solitudine – Dicembre 2020

Dicembre 30, 2020

L’indicibile dolore della solitudine (e le parole per farlo vedere)

Dicembre 30, 2020

Breve esperimento di solitudine

Dicembre 30, 2020

Solo un Bambino

Dicembre 30, 2020

Necessità di solitudine

Novembre 30, 2020

L’esercizio della giurisdizione nell’emergenza sanitaria

Novembre 30, 2020

L’indifferenza dei mass media al funzionamento concreto della giustizia

Novembre 30, 2020

Samaritani della Giustizia

Novembre 30, 2020

Il costo dell’indifferenza nell’ultimo romanzo di Bottone

Novembre 30, 2020

Il viale delle acacie non profuma più

Novembre 30, 2020

Di carcere, chiavi e persone

Novembre 30, 2020

La giustizia e la strada della coscienza

Novembre 30, 2020

Dopo il carcere: una colpevole indifferenza

Novembre 30, 2020

Indifferenza e libertà

Novembre 30, 2020

L’Associazione Nazionale Magistrati casa di tutti

Novembre 30, 2020

Il disegno di legge sull’omofobia: dall’indifferenza alla differenza

Novembre 30, 2020

Non restare indifferenti alle stagioni del mondo

Novembre 30, 2020

Lo scempio di Napoli va avanti

Novembre 30, 2020

TOSSICO Indifferenti

Novembre 30, 2020

L’arma spuntata dell’indifferenza

Novembre 30, 2020

Indifferenza – Novembre 2020

Ottobre 30, 2020

Schnell

Ottobre 30, 2020

La velocità ci ha fregati tutti

Ottobre 30, 2020

La libreria è un luogo lento

Ottobre 30, 2020

Velocità e processo civile

Ottobre 30, 2020

Ho bisogno di velocità!

Ottobre 30, 2020

La velocità dei sogni