"Lentius", allora

 

di Laura Gargano


“Citius altius fortius” è il motto degli atleti olimpici dal 1894. Perché da oltre un secolo la velocità è un valore. Bisogna andare più veloci, reagire più veloci, elaborare pensieri, emozioni e lutti più veloci. La velocità è il valore. Non importa cosa tu debba fare. Lo devi fare veloce.
La vita non va vissuta, va rubata a morsi, ed a passo veloce. Sennò, se non ti affanni non sei bravo, non sei performante, sei una nullità. E non importa se la velocità mortifichi contenuti, elaborati, risultati richiesti. L’importante è solo reagire in velocità agli stimoli esterni. A qualunque costo, compreso quello di evitare qualsiasi analisi di realtà. A costo di sbagliare tutto e fare danni. Ma senza gran senso di colpa.

Dovevamo andare veloci. Eppure. La velocità, di pensiero, di esecuzione, di reazione fa spesso promesse che tradiscono le attese. Ci voleva un virus, per noi veloci, a dimostrarlo in modo pacifico ed evidente.
Una forma di vita precellulare, la più semplice tra le viventi. Tanto più veloci siamo andati quanto più forte abbiamo sbattuto contro la stasi della malattia, della paura, dell’impotenza. Come delle auto lanciate in corso che si sono schiantate contro un ostacolo imprevisto, spesso distruggendosi.

Ed allora meglio il respiro profondo della dispnea, la meditazione del pensiero istantaneo, la ponderazione dell’ipereattività. Solo così forse avremo una speranza, anzi più d’una: di allinearci con noi stessi, di tessere relazioni durature, di amare con profondità.

Piano piano, diceva la mia nonna, tutto si aggiusta. "Lentius", allora. Se vogliamo provare qualcosa che somigli alla serenità.

 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime