L'arma spuntata dell'indifferenza

 

di Natalia Esposito


L’enciclopedia Treccani definisce così l’indifferenza: Indifferènza s. f. [dal lat. indifferentia, der. di indiffĕrens «indifferente»]. In filosofia, stato tranquillo dell’animo che, di fronte a un oggetto, non prova per esso desiderio né repulsione; o che, di fronte all’esigenza di una decisione volontaria, non propende più per l’uno che per l’altro termine di un’alternativa. Nell’ascetica, è lo stato (necessario al conseguimento della vita perfetta) in cui si rinuncia a ogni scelta finché non si conosca la volontà di Dio per uniformarsi completamente ad essa. Nell’uso com., spesso con tono di biasimo, condizione e comportamento di chi, in determinata circostanza o per abitudine, non mostra interessamento, simpatia, partecipazione affettiva, turbamento.

Nelle ultime settimane ho cercato e poi letto e riletto questa definizione. L’ho fatto perché a fronte di tutto ciò che sta succedendo intorno ho cominciato a sentirmi disinteressata. Di fronte a decisioni importanti, a prese di posizione su come gestire il quotidiano, nella mia vita privata come nel lavoro, non riuscivo a scegliere. All'atto di prendere una decisione tra due alternative, non sceglievo né l'una né l'altra perché le sentivo ininfluenti e incapaci di produrre cambiamenti rispetto alla condizione esistente.

Ho cercato disperatamente di poter interpretare filosoficamente i miei stati d’animo pietrificati, nella speranza di poterli attribuire ad uno stato tranquillo dell’animo, ma questa interpretazione non dava voce a ciò che c’è. Allora ho provato con l’ascetica ma sono davvero troppo imperfetta per ritrovarmi in uno stato di affidamento così profondo (e auspicabile) alla volontà Divina. La verità è che sono una persona comune e dunque devo fare i conti con la mancanza di interessamento, partecipazione affettiva e turbamento.
In questo far luce nelle cantine dell’anima finalmente mi sono sentita turbata. Turbata perché la condivisione del punto di vista dell'altro, delle sue sofferenze e difficoltà, è la molla che ci spinge all'aiuto e l'assenza di questo legame emotivo è sintomo di stati patologici. L'indifferenza, infatti, rompe un meccanismo elementare della coscienza umana: il processo di azione e reazione. Mi sono chiesta perché si fosse interrotto dentro di me questo meccanismo. Ancor di più perché nel mio lavoro a contatto con persone disabili i conti con la sofferenza si fanno quotidianamente, si impara ad elaborare questa sofferenza senza farsi schiacciare, ma, allo stesso tempo, si preserva l’empatia senza la quale è consigliabile cambiare lavoro. Insomma il meccanismo di azione e reazione deve essere sempre attivo. Allora ho pensato che il problema fosse accettare di essere una pila scarica e che forse è arrivato il momento di cambiare lavoro.

In questi giorni di chiusura e clausura sono in contatto costante con i ragazzi disabili con cui lavoro e loro, come sempre, hanno tanto da insegnarmi. Mi raccontano che hanno molta paura: paura di ammalarsi, di restare senza genitori, di soffrire ancor più di quanto non abbiano già sofferto; ma di fronte alla scelta: resto a casa sicuro, smetto di correre rischi o corro il rischio ma non voglio stare solo, non hanno dubbi: corrono il rischio.

Ovviamente nessuna sottovalutazione del problema, siamo tutti (o quasi) consapevoli della gravità della situazione, ma loro mi insegnano a conservare la libertà. La libertà di scegliere, di non pensare che ogni alternativa non cambierà di fatto le cose. La confusione comunicativa, il rumore mediatico, la volgarità dilagante non hanno minato la libertà interiore dei miei ragazzi. Solo la mia. Solo io non ho chiaro che una direzione, e solo una, è quella auspicabile. Io mi sono fatta paralizzare dalla paura e irretire dalla confusione. E per difendermi sono diventata indifferente.
La mia volontà è sospesa ma non ho smesso di soffrire, per fortuna, perché se non smetto di soffrire non smetto neanche di gioire. Ma ho un dovere e credo che chiunque sperimenti l’indifferenza lo abbia: ricominciare a scegliere, desiderare, volere.
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime