La velocità
ci ha fregati tutti

 

di Luca Caputo


Il rider mi consegna le pizze con sette minuti di ritardo rispetto all'orario previsto. Ha lo sguardo preoccupato. - Mi scusi. – dice - Non sapevo fosse un parco e… mi sono perso per trovare la sua palazzina. - Si giustifica. - Tranquillo - rispondo. - Non è successo niente. Cinque minuti in più cinque minuti in meno non mi cambiano la vita. - La mia si. - ribatte. - In che senso? – domando. - Sa, i ritardi pesano molto sulle recensioni che ci vengono date. Quindi… non mi farà una recensione negativa? – chiede. - Macché recensione negativa! - lo rassicuro. - Grazie. - mi dice. – Davvero grazie. – ripete.
E mentre lo guardo ripartire e sparire nel buio a bordo della sua bici mi domando dov'è che abbiamo sbagliato. Quando è che abbiamo deciso che uno dei principali parametri per valutare la qualità di una prestazione lavorativa è diventata la velocità. Anzi, per alcuni lavori, come quelli di un rider o di un dipendente di Amazon la velocità non è un parametro. È tutto. E ciò non solo per questi lavori.

Durante il tirocinio che ha preceduto la mia immissione in servizio come magistrato, molti colleghi, nei corsi di formazione, hanno insistito sulla necessità di essere rapidi nel depositare le sentenze, le ordinanze e tutti gli altri provvedimenti. Il ritardo nel deposito dei provvedimenti è un illecito disciplinare, tra i più frequenti e sanzionati.
Dopo aver preso servizio ho poi scoperto l’importanza delle statistiche: rilevazioni periodiche della produttività dei singoli settori di un ufficio giudiziario e del singolo magistrato. Quante sentenze depositi in un anno? - Ti chiedono i colleghi. E così scopri che quel numero, che a te sembra solo un numero, è fondamentale per valutare se sei o meno un buon magistrato. Insomma, tra illeciti e statistiche, anche nella giustizia la velocità è diventata un parametro essenziale.

Certo, tutto questo è anche la reazione comprensibile a un’eccessiva lentezza che si aveva nel decidere in passato. Perché è chiaro che una sentenza che arriva troppo tardi è una sentenza inutile. Ma è altrettanto chiaro che non tutto può essere deciso in fretta, velocemente, senza la necessaria ponderazione.

E allora servirebbe più equilibrio, più misura. Ma questi non sono tempi di equilibrio e misura.

Pochi giorni fa, a Bari, la città in cui vivo, ha chiuso il Disney store in pieno centro. Un negozio storico, aperto vent’anni fa e dal forte significato simbolico, come lo può essere un luogo in cui si vendono riproduzioni e simulacri di pezzi dell’immaginario collettivo. Il giorno dopo la chiusura sono passato davanti alle vetrine e ho visto alcuni operai intenti a smantellarne le insegne e gli scaffali, probabilmente per fare posto ad un’altra attività commerciale. Erano passate solo ventiquattrore dalla chiusura. È stato in quel momento che ho capito che la velocità ci ha fregati tutti. Nel momento in cui è diventata il parametro sulla base del quale decidere la permanenza in un’azienda di un lavoratore, la carriera di un magistrato, nel momento in cui ci ha privati della possibilità di prenderci il tempo necessario a elaborare un lutto, fosse anche un lutto apparentemente stupido come quello per la chiusura di un luogo al quale eravamo affezionati, la velocità ha vinto. Su tutto. Sicuramente sulla nostra umanità.

Intanto, lì fuori, il numero dei contagi causati dalla pandemia in corso cresce vertiginosamente, a velocità esponenziale e, in attesa dell’arrivo di cure migliori e di un vaccino, sembra che l'unica cosa che tutti noi possiamo fare per salvarci ed evitare l’apocalisse è rallentare. Fino a fermarci. Completamente. Con buona pace della velocità.
 
Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime

Dicembre 30, 2020

Il sonno dell’anima e della coscienza

Dicembre 30, 2020

La sedia vuota

Dicembre 30, 2020

Solitudine. Empatia. Giustizia

Dicembre 30, 2020

“Solitude”

Dicembre 30, 2020

Siamo Soli…

Dicembre 30, 2020

“La patria dei forti”

Dicembre 30, 2020

La Solitudine – Dicembre 2020

Dicembre 30, 2020

L’indicibile dolore della solitudine (e le parole per farlo vedere)

Dicembre 30, 2020

Breve esperimento di solitudine

Dicembre 30, 2020

Solo un Bambino

Dicembre 30, 2020

Necessità di solitudine

Novembre 30, 2020

L’esercizio della giurisdizione nell’emergenza sanitaria

Novembre 30, 2020

L’indifferenza dei mass media al funzionamento concreto della giustizia

Novembre 30, 2020

Samaritani della Giustizia

Novembre 30, 2020

Il costo dell’indifferenza nell’ultimo romanzo di Bottone

Novembre 30, 2020

Il viale delle acacie non profuma più

Novembre 30, 2020

Di carcere, chiavi e persone

Novembre 30, 2020

La giustizia e la strada della coscienza

Novembre 30, 2020

Dopo il carcere: una colpevole indifferenza

Novembre 30, 2020

Indifferenza e libertà

Novembre 30, 2020

L’Associazione Nazionale Magistrati casa di tutti

Novembre 30, 2020

Il disegno di legge sull’omofobia: dall’indifferenza alla differenza

Novembre 30, 2020

Non restare indifferenti alle stagioni del mondo

Novembre 30, 2020

Lo scempio di Napoli va avanti

Novembre 30, 2020

TOSSICO Indifferenti

Novembre 30, 2020

L’arma spuntata dell’indifferenza

Novembre 30, 2020

Indifferenza – Novembre 2020

Ottobre 30, 2020

Schnell

Ottobre 30, 2020

La velocità ci ha fregati tutti

Ottobre 30, 2020

La libreria è un luogo lento

Ottobre 30, 2020

Velocità e processo civile

Ottobre 30, 2020

Ho bisogno di velocità!

Ottobre 30, 2020

La velocità dei sogni