La musica e il mare


 

di Alberto Garofalo

La ricezione estetica della musica è una delle cose più intime e, al tempo stesso, spirituali che conosca. È del tutto differente dalla ricezione di qualsiasi altra arte. La musica non si comprende, la si pensa con le orecchie, il che ovviamente va completamente al di là dello schema predisposto dal compositore. Una delle rivoluzioni principali del Novecento consiste proprio nell’abbattimento delle dinamiche formali della musica tradizionale, il che ha comportato anche che la musica classica viene recepita per il suo aspetto innovativo.

Quando si studia Bach, non c’è nulla di più utile che ascoltare le differenze tra lo stesso Bach e le regole scolastiche che lo hanno preceduto, di cui evidentemente si faceva beffe, così come è utilissimo ascoltare il modo in cui si è evoluto, nell’età contemporanea, il modo di eseguirlo. Tutta la musica andrebbe ascoltata come musica moderna. Soltanto così si ha modo di superare la parvenza esteriore per cogliere gli aspetti strutturali e le inevitabili digressioni dallo schema classico. Questo approccio mette sullo stesso piano l’ascoltatore appassionato (come me) ed il profondo conoscitore delle discipline teoriche sulla composizione.

Per una forma di autodifesa, ho sempre considerato una sciocchezza che, per comprendere perfettamente la musica, bisogna conoscere le regole del contrappunto, perché anche conoscendole perfettamente si potrebbe poi essere incapaci di sentire veramente una sonata intima come Les collines d’Anacapri di Debussy (il quale ovviamente era il primo che si scagliava contro l’Accademia). Soltanto la sintesi del fenomeno sensibile può far diventare arte la ricezione musicale, così come qualsiasi altra arte del resto. In musica, però, i momenti che chiamiamo sensoriali (“sinnlich”) e quelli spirituali si compenetrano, senza bisogno di parole ("ohne worte" come il titolo della sonata di Felix Mendelssohn).

È come una finestra spalancata sul mare, che proprio a quella vista deve la sua bellezza. La musica è l’unica arte in cui ogni singolo attimo fa richiamo a tutta la nostra capacità sensoriale e spirituale, proprio come quando si guarda il mare. È l’unica arte capace di renderci questa stessa sensazione interiore. Esistono composizioni musicali che offrono in maniera mirabile questa sinestesia. Anche in questo il Novecento offre esempi straordinari (e lo fa in particolare con i compositori francesi). È impossibile rimanere indifferenti di fronte alle sonate di Debussy e Satie o ai quartetti di Ravel (così intime e spirituali), così come è impossibile restare indifferenti di fronte alla sconfinata libertà che proviamo mirando il mare.

Questi compositori toccano corde profonde, con una facilità sorprendente, con una musica totalmente asimmetrica, senza progressioni regolari, proprio come le onde del mare (non a caso le composizioni di Debussy hanno titoli quali “la mer”, “Jeux de vagues”, etc.). In questo periodo storico ed alle nostre latitudini si dà per scontato di aver visto il mare sin da bambini, ma la storia è piena di esempi di personaggi fondamentali che lo hanno visto soltanto da grandi (l’esempio più famoso è Rimbaud, che scrisse “Il battello ebbro” quando ancora non lo aveva mai visto).

È evidente che il mare, nella sua enormità e nel suo significato di libertà, quasi spaventoso, visto ad un’età adulta è qualcosa di sconvolgente (Murat lo vide per la prima volta a 23 anni, restandone stravolto). Per noi qui a Napoli e dintorni è qualcosa di acquisito sin dall’infanzia, eppure ogni volta associamo la vista del mare con qualcosa di eccezionale, uno spettacolo cui non ci si può sottrarre, cui si può assistere per ore senza mai annoiarsi, perché ogni attimo assume un suo significato differente. Per me, la musica significa esattamente questo, un collegamento ad una sensibilità spirituale, intima, che precede la civiltà, simile a quella che provo quando, per ore, ammiro il mare
 
Maggio 9, 2022

L’associazionismo giudiziario in Europa, il pluralismo culturale e il paradosso italiano

Maggio 5, 2022

Trattare l’essere umano strategicamente

Maggio 4, 2022

La libertà e lo Stato indifferente

Gennaio 26, 2022

Brevi variazioni napoletane semi-serie sullo sguardo critico

Gennaio 26, 2022

Sguardo critico

Gennaio 25, 2022

Io so tutto (alla ricerca dello sguardo critico)

Gennaio 18, 2022

Lo sguardo critico del demone interiore

Gennaio 18, 2022

Sguardo critico globale

Dicembre 27, 2021

Banalmente crudeli

Dicembre 23, 2021

Lo sguardo disperso

Dicembre 22, 2021

ATTENDERE LA SCARICA DI DOPAMINA

Dicembre 22, 2021

Cos’è, lo sguardo critico

Dicembre 22, 2021

Lo sgabello

Dicembre 14, 2021

Umami. Il nuovo senso critico

Dicembre 14, 2021

Miopia endemica

Dicembre 14, 2021

Per farci tornare a quel che siamo

Novembre 30, 2021

La cura dello sguardo

Ottobre 4, 2021

Come ho spiegato ad una bambina (mia nonna malata di Alzheimer) che stava per morire

Ottobre 2, 2021

L’enigma del tempo

Ottobre 1, 2021

“Creatio continua” e memoria

Ottobre 1, 2021

Dissolvenze

Ottobre 1, 2021

Tempo possibile e tempo impossibile

Settembre 29, 2021

Il tempo immaginato

Settembre 29, 2021

Bianca

Settembre 29, 2021

Risorse del tempo

Settembre 28, 2021

Segni del tempo

Settembre 28, 2021

Io, Edipo e la Sfinge

Settembre 28, 2021

Esiste il tempo?

Settembre 28, 2021

Non puoi uccidere il tempo col cuore

Luglio 30, 2021

Il mare e la libertà

Luglio 30, 2021

La fatica del mare

Luglio 29, 2021

Aleph: insospettabile manifesto non aritmetico di giustizia libera

Luglio 28, 2021

Il confine tra libertà e solitudine

Luglio 28, 2021

La disciplina del mare

Luglio 27, 2021

Apeiron – mare e libertà

Luglio 27, 2021

Riviera