La Bellezza.

e il tempo

di Caterina De Martino

Non sempre il tempo la beltà cancella, o la sfiorano le lagrime e gli affanni mia madre ha sessant’anni e più la guardo e più mi sembra bella

Ogni volta che rileggo la prima strofa di questa poesia mi sembra di tornare indietro nel tempo, e rivedo con tenerezza la treccia bianca di mia nonna e l’immagine di mio padre da bambino. La Bellezza per me ha l’aspetto della mamma, il volto dell’Amore che non invecchia mai, non sfiorisce, resta immobile nel tempo. Niente è così bello per me come l’immagine di un bambino che guarda incantato la sua mamma, è la fotografia dello stato d’animo di un cuore pulito quando è felice ed innamorato.

Per me il segreto è tutto lì, nell’amore dato e ricevuto, nelle storie di famiglia, nei matrimoni durati decenni mano nella mano, negli occhi quieti e limpidi dei bambini, con un sorriso nascosto sul fondo, nelle camelie del giardino che ogni anno, da quando sono nata, fioriscono all’improvviso, ora anche senza mia madre e le sue cure.

La Bellezza è un riflesso dell’anima, lo specchio di tutto quello che vorremmo essere e che a volte siamo, è il sottile senso di appartenenza a luoghi e persone amate, è l’essenza di ciò che ci circonda, se sappiamo leggerlo con lo sguardo giusto. E’ il viaggio interiore continuo che facciamo alla ricerca di noi stessi e del nostro posto.

A volte, nella complicata quotidianità e presi dal vortice dei pensieri, abbassiamo lo sguardo e ci allontaniamo anche dalle piccole cose… e basta poco per perdersi il sorriso di chi ci dice buongiorno anche se non lo è, il profumo del caffè, il suono del pianoforte che esce dalle finestre aperte sull’aria primaverile, le voci dei bambini che giocano nei cortili, il gatto che fa le fusa al sole sulla terrazza o un libro aperto sul davanzale della finestra.

Ma forse la Bellezza è anche l’alternarsi di luci ed ombre. E’ un ricordo che riaffiora all’improvviso e ci allarga il cuore anche in un giorno no. O una fotografia che fa capolino da un libro restituendoci un momento che pensavamo di aver perso.
Un amico che si siede accanto a noi quando siamo stanchi e vogliamo stare fermi per un po’. E’ la consapevolezza che, se anche tutto cambia, ci sono luoghi, persone e sentimenti che non cambieranno mai, e che portiamo sempre con noi. Come una valigia piena ma leggera, un vento deciso e pulito, una scia colorata nei pensieri, una luce sempre accesa.
 
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime