Indifferenza e libertà

 

di Dario Raffone


Come presumo capiti a tutti, anche a me tornano spesso alla mente letture di tempi trascorsi, pagine che, ripensate oggi, suggeriscono riflessioni, suscitano emozioni affatto diverse da quelle della prima volta. E’ quanto mi è successo quando mi si è presentato, del tutto inaspettatamente, il ricordo di una pagina di un celeberrimo libro di Piero Calamandrei, “Elogio di un giudice scritto da un avvocato”. E, precisamente, quella in cui si racconta di un anziano pretore di una piccola cittadina, presumibilmente toscana o umbra, che, essendo gravemente infermo, teneva udienza nella sua camera da letto e che, al momento della decisione, si copriva con il lenzuolo come se si fosse ritirato in camera di consiglio.
Non so se questo episodio sia vero o sia solo un parto letterario dell’Autore, ma certamente oggi mi sollecita, forse per il lungo percorso lavorativo nel frattempo compiuto, una riflessione forte, addirittura commossa. Si potrebbe dire che sono gli scherzi di una non meglio definita nostalgia che spesso induce, del passato, a vedere più le luci che le ombre e, comunque, di queste ultime immagini più edulcorate

Ma, in realtà, l’episodio narrato da Calamandrei molto ci dice del nostro presente. La siderale distanza tra esso e le pratiche dell’odierna giustizia è la medesima che passa tra i rapporti umani e i costumi di una società passata, ancora legata alla terra, e quelli di una modernità cibernetica e tecnocratica come la nostra. Una modernità che sembra voler fare a meno del dialogo, della prossimità invece così presente nel talamo giudiziale sopra ricordato. Oggi è l’epoca degli scambi senza accordi, dei formulari prestabiliti, del prendere o lasciare, della possibilità di procurarci tutto senza incontrare nessuno come già quindici anni fa spiegava Natalino Irti, grande maestro del diritto civile.
Tutto, quindi, sembra propizio per instaurare il regno dell’attenzione prestata solo a ciò che è di nostro interesse, o forse, a ciò che ci fanno credere essere tale.

Una riflessione compiuta sulla distruzione del legame sociale implicherebbe sforzi e capacità ben superiori a quelle di un modesto pratico del diritto. Basti dire, senza alcuna velleità filosofica, che sembra inverarsi, in modo completo, il dispositivo contenuto nel progetto illuministico che pure tanto progresso ha creato all’umanità

La liberazione dagli ottusi impacci dell’ancien régime sembra oggi imprigionarci nell’esaltazione dell’individualismo. Si delinea una libertà solipsistica, parente stretta dell’indifferenza e di una frattura dell’anima. Per dirla con le parole di una bella canzone di Iannacci, siamo uomini a metà.

Le storie degli altri, dai più lontani fino a quelli raggiungibili dal nostro WiFi, sono lì ad attenderci, a fornirci, forse, il collante per ricucire i pezzi delle lacerazioni provocate da noi stessi.

Il pretore infermo tutte queste cose non le conosceva. Semplicemente, le praticava. Ma i pretori erano figure troppo eccentriche ed imprevedibili. Obsolete, quindi. E, per questo, inevitabilmente soppresse.
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime