Il costo dell'indifferenza
nell'ultimo romanzo di Bottone

 

di Eduardo Savarese


Diversi sono i temi, gli spunti, gli intrecci che la lettura di “Non c’ero mai stato”, l’ultimo romanzo vergato da Vladimiro Bottone (Neri Pozza, 2020, p. 399), pone all’attenzione del lettore e anche dello scrittore. La storia è ambientata in una Napoli contemporanea, ma anche segnata da una specie di a-temporalità asfissiante: quella specie di cortina pesante che aggrava i movimenti dei personaggi di Bottone, che si tratti del Real Albergo dei Poveri nel XIX secolo o di Corso Vittorio Emanuele negli anni duemila. Vi si fronteggiano stavolta Ernesto Aloja, editor ormai ritiratosi dall’agone editoriale, vissuto molti anni al Nord, e ora rientrato nella città natale, e una giovane, tormentata, sensuale aspirante scrittrice, Lena Di Nardo.

A partire Dall’invio del manoscritto di lei, un po’ sfrontato, un po’ inconsapevole, si instaura tra i due una relazione complessa che si muove su più livelli, da quello della scrittura, a quello dell’attrazione fisica, a quello dello scambio (impossibile) tra le rispettive visioni del mondo. Il romanzo nel romanzo che Bottone mirabilmente intesse – quello, cioè, che vanno scrivendo Ernesto e Lena - ci restituisce la misteriosa, inquietante commistione tra Vita e Invenzione, Romanzo e Destino, processi creativi e passaggi della prassi quotidiana. Già solo questo rende la lettura del romanzo non solo avvincente, ma una vera e propria dissezione anatomica su cui lo scrittore che sia già tale, l’aspirante scrittore, l’editor possono stare a meditare a lungo e, ne sono certo, proficuamente.

Vi è però un piano, specificamente esistenziale, che si fa linguistico e narrativo, che vorrei meglio focalizzare ora: il rapporto tra le generazioni. Lena potrebbe essere figlia del nostro protagonista, viene dalla provincia di Napoli, fa delle traduzioni per tirare a campare, insomma si arrangia, è una precaria, ha scarsi mezzi. Osserva con un’aria nervosa e vorace il bell’appartamento borghese e panoramico dove lavora al romanzo col suo editor. La sua volontà di scrittura si misura con la fatica di una vita incerta, con gli smarrimenti dell’età giunta ai 30 anni in cui il senso di responsabilità indica che bisogna pure cogliere qualche risultato tangibile di vita normale.
Lena è trasbordante nelle sue scelte tanto narrative quanto linguistiche. La macera una inquietudine totale che il suo editor/maestro/amante, finalmente da lei totalmente dipendente, non riuscirà a capire, se non in parte, se non troppo tardi, se non a costo dell’irrimediabilità del distacco e della fine. Noi seguiamo il punto di vista di lui, di una generazione che ha vissuto stagioni difficili eppure foriere di certe ricompense, di certi riconoscimenti, di certe partecipazioni gratificanti alla vita intellettuale e letteraria. Una generazione che, in fin dei conti, pare restare indifferente alla spasmodica quotidiana fatica delle Lene di Nardo.

Ecco, io questa spaventosa, a tratti atroce distonia comunicativa, questo iato di percezioni e parole – l’immediatezza forse grezza ma intensa di Lena, un certo snobismo annoiato in Ernesto - li ho sentiti tutti, leggendo, e mi hanno profondamente disturbato e amareggiato. Non ho 30 anni come Lena, ma a 41 sono collocabile in una generazione più vicina alla sua che a quella dell’io narrante: l’ho detestato con tutte le mie forze, mi ha esasperato come certe creature egoiste, intollerabilmente egoiste dei romanzi di Bellow. Ma pure lui si porta dietro la sua Macchia. E il peso di Napoli.

Infine, è lui a restare con la sua solitudine, in un finale dall’ambientazione miserabile e potente. Leggendola, ho rivissuto gli ambienti di taluni processi penali da me celebrati nella provincia napoletana (e Bottone riesce a scrivere pagine contemporanee di degrado, senza mai perdere l’eleganza dell’incisione sulla parola, sul gesto, sulla composizione d’insieme: d’altra parte, a parlarcene è un editor..). La grande scrittura viene a dividere, non a portare pace. Non c’ero mai stato lo fa sino in fondo.
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime