Corpo libero


 

di Elettra Papaccio

“Finché ho ancora la vita, mi oppongo alla decisione altrui, a che i miei polmoni non possano più respirare aria al mattino, quando tutto sembra sopito in un grigio estivo, che apre squarci d’inverno e nostalgia sul profondo del mare. Se non posso vivere altre vite, non togliermi la compagnia della farfalla che si finge inerme e mi guarda dal balcone della sua vita. Non togliermi il sole, di cui sono avidi gli occhi, fino a bruciarsi. Sarà una voce al vento, la mia, ma se potete giudicarmi, non avete il diritto di uccidermi. Sarà ripetitivo, vano o parola lanciata nell’indifferenza tra i suoni banali del vostro giorno che prosegue. Siete nel traffico, siete soli nel profondo del vostro non conoscere chi vi abita dentro. Ma finché vivo mi oppongo a che altri siano padroni del mio corpo.

Come possono violare la legge di chi nasce e chi muore, tra la brezza che smuove i rami e fa girare le foglie tra i miei pensieri? Se ho un diritto, il mio primo diritto è oppormi alle decisioni sul mio corpo: non potere violare lo spirito vitale che è in me, lo spazio più intimo che neanche io conosco. Non potete togliermi ciò che non mi avete dato, andando oltre misura della legge del vostro ordine. Non vi appartiene la mia dimensione dell’essere- il mio corpo non è solo respiro- è molto più. Come potete sapere quello che ho dentro e come pretendete proprietà sulla complessa chimica che si trascina nel mio cervello. Finché son vivo e finché son morto il mio corpo vi ricorderà che preesiste al vostro ordine di esecuzione.

Giudicare non è disporre del tempo come Dio. Ma fate così, se volete: il tormento della tempesta che crede di cambiare le cose è un’illusione. Tutto è ciclico e ricomincia, ci troveremo in un altro mondo in un’altra vita.

Lo senti, il vento della terra? Ascoltalo Prima ch’io dorma per sempre.”

Arriva il sacerdote di una religione antica, che non esiste più sulla terra. Ci interroga, tra i giganti dei nostri dubbi che ingannano. “Cosa pensi, lì dentro, chiuso nella prigione delle tue idee?” La reclusione è uno stato di essere al mondo , uno stadio di esistenza, un modo di sopire le emozioni avvelenando di sostanze impermeabili i muri che ci dividono. È il modo di scendere dalle pendici della montagna affannosa che ci portiamo dentro senza crollare a picco, per avere visto sofferenze estreme di coloro che abbiamo condannato. “ Chi è stato liberato dalla prigione con il fucile, con il veleno non ha ottenuto che la condanna fosse spezzata, col suo corpo libero grida ancora il diritto di opporsi alla forza violenta della pena, alla sua debole efficacia.”

Tutto si chiude col silenzio
 
Maggio 9, 2022

L’associazionismo giudiziario in Europa, il pluralismo culturale e il paradosso italiano

Maggio 5, 2022

Trattare l’essere umano strategicamente

Maggio 4, 2022

La libertà e lo Stato indifferente

Gennaio 26, 2022

Brevi variazioni napoletane semi-serie sullo sguardo critico

Gennaio 26, 2022

Sguardo critico

Gennaio 25, 2022

Io so tutto (alla ricerca dello sguardo critico)

Gennaio 18, 2022

Lo sguardo critico del demone interiore

Gennaio 18, 2022

Sguardo critico globale

Dicembre 27, 2021

Banalmente crudeli

Dicembre 23, 2021

Lo sguardo disperso

Dicembre 22, 2021

ATTENDERE LA SCARICA DI DOPAMINA

Dicembre 22, 2021

Cos’è, lo sguardo critico

Dicembre 22, 2021

Lo sgabello

Dicembre 14, 2021

Umami. Il nuovo senso critico

Dicembre 14, 2021

Miopia endemica

Dicembre 14, 2021

Per farci tornare a quel che siamo

Novembre 30, 2021

La cura dello sguardo

Ottobre 4, 2021

Come ho spiegato ad una bambina (mia nonna malata di Alzheimer) che stava per morire

Ottobre 2, 2021

L’enigma del tempo

Ottobre 1, 2021

“Creatio continua” e memoria

Ottobre 1, 2021

Dissolvenze

Ottobre 1, 2021

Tempo possibile e tempo impossibile

Settembre 29, 2021

Il tempo immaginato

Settembre 29, 2021

Bianca

Settembre 29, 2021

Risorse del tempo

Settembre 28, 2021

Segni del tempo

Settembre 28, 2021

Io, Edipo e la Sfinge

Settembre 28, 2021

Esiste il tempo?

Settembre 28, 2021

Non puoi uccidere il tempo col cuore

Luglio 30, 2021

Il mare e la libertà

Luglio 30, 2021

La fatica del mare

Luglio 29, 2021

Aleph: insospettabile manifesto non aritmetico di giustizia libera

Luglio 28, 2021

Il confine tra libertà e solitudine

Luglio 28, 2021

La disciplina del mare

Luglio 27, 2021

Apeiron – mare e libertà

Luglio 27, 2021

Riviera