Cielo profondo


 

di Elettra Papaccio

La vedi incompleta e perfetta, una vita che ti mangia lo spazio da dentro, mentre lo spazio fuori è infinito. Ci sono attimi in cui sono assorto a guardare il cielo, e nemmeno il tempo mi trova. Sono gli occhi di un falco, che sovrasta il tuo cammino in un arco eterno che porta ad una terra sospesa tra il sole e il buio. La vedi lì, la vita incompleta. Quando tutto si ferma, e le mani accarezzano il viso portandolo a guardare un cielo rosso, tinto dal sangue di chi ci ama, che ospita il volo di uno stormo di rondini. E le rondini non ci mettono tanto nel trasformarsi, scoccata l’ora che non ha più ore del buio, in un risplendere di stelle

La mezzanotte è l’ora che non ha tempo, che inchioda tutti i mortali nel letto e trasforma gli uccelli in stelle e le speranze in sospiri. L’aria che respiri in quel momento, in cui le rondini sono libere nel rosso fuoco del tramonto, tinge di incanto le emozioni. Tinge di bellezza per un attimo il mondo, ch’é sempre bello ma lo appare soltanto quando lo guardiamo deponendo gli occhi stanchi, che hanno girato quasi a vuoto con il vento martellante della giornata.

Siamo soli, finalmente, con le nuvole che si diradano. E la vita incompleta l’abbiamo dimenticata giù per i grovigli della testa e del nostro corpo. E l’immagine della vita incompleta non ci appartiene più, è volata in un’altra dimensione. Giù per le viscere della terra, in posti che non vogliamo vedere, dove si combatte per un’ideologia o per un mito, o forse per antiche divisioni. Dove qualcuno divide, soffoca la bellezza e ad ogni colpo la paura dissolve il volo delle rondini.

Ma il cielo non lo può toccare nessuno, quando lacrima e decide di lavare il mondo, quando si colora e arrossa per solidarietà a tanto dolore, per imitare le folli gesta degli uomini sembra quasi che lassù ci sia una folle mano che lo incendi. E un simile spettacolo fa fermare chiunque a guardarlo, distogliendo l’attenzione dallo spreco di tempo e vita, dalle grida della terra, e fa sorridere.

E quanta bellezza nel sorriso di un bambino. E quanto l’incompletezza della vita ci appare insignificante, perché il vuoto non possiamo più permetterci né abbiamo più voglia di rincorrerlo. Si staglia solo la bellezza di ali dispiegate sulla pienezza di un sorriso.
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime