Bellezza

All'origine di innumerevoli pagine di letteratura e filosofia, di psicologia e di neuroscienze, di storia dell'arte e di sociologia, la bellezza, in questo tempo di pandemia, è sembrata mancare a tutti, in un modo o nell'altro. E nella mancanza si avverte il peso di certe categorie, di definizione non facile, eppure presenti nella mente, nel cuore, nella memoria e nelle nostalgie di tutti noi. Areopago, col suo modo ora introspettivo ora meditativo ora analitico, anche stavolta propone una serie di scritti brevi sul tema, sotto angolazione vistosamente diverse, eppure tutte attraversate da certe parole-chiave, come nostalgia, bisogno, ricchezza, salvezza, ricordo: la bellezza fu, è, sarà, si potrebbe dire. C'è la bellezza dell'accesso diretto alla semplicità del gesto (Alessandra Navarra) e alla vastità del cielo (la prosa poetica di Elettra Papaccio, ancora una volta). C'è la bellezza che cerchiamo di definire oggettivamente dalle nostre posizioni soggettive, e di cui riconosciamo, ad ogni modo, l'importanza, per quella che è la concezione che ne abbiamo (Antonio Lepre, Natalia Esposito, Rosamaria Mesiti). C'è la bellezza della testimonianza personale nella forma di racconto toccante (Paola Laudadio). C'è poi la specificità della bellezza femminile, tra modelli falsificanti e realtà inafferrabili (Mara Fortuna). Non può mancare la bellezza dell'arte, e dell'imperfezione che si fa arte in Modigliani tra ricordo e nostalgia di visioni più immediate (Almerinda Di Benedetto). La bellezza è poi declinata nella prospettiva di un certo calore familiare, domestico, intimo da Caterina De Martino. E poi le bellezze gettate a piene mani per i vicoli e gli anfratti del mondo, che sfuggono ai canoni e anzi fondano la loro verità in posture di perentoria felicità e dignità (Luigi Sebastiani). Ma poi ci sono gli interrogativi sullo "spazio" che riserviamo alla bellezza nella nostra vita, nella nostra vita dei giorni quotidiani (le provocazioni di Eliana D'Ambrosio). V'è infine la bellezza mistica di Dio, materializzata in certi luoghi santi e nell'oggetto più sacro, l'icona, nella cornice vasta, lacerata e splendente dell'incontenibile anima russa (Ivo Flavio Abela). E, forse non lontano dal contatto col divino, c'è la bellezza declinata nel ricordo di un amico scomparso (Eduardo Savarese).

La Redazione
 
Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime