Auschwitz, 9 agosto 1942: Edith Stein, Teresa Benedetta della Croce


A cura del corrispondente dal Sottosuolo


Il mese di agosto, per il cattolico che ama i santi e le loro storie, è pieno di gente interessante e, di certo, importante. Ad agosto si festeggiano i Santi Domenico, Gaetano e Chiara. Meno noti, ma più vicini al nostro tempo, per cronologia e per esperienza interiore, sono due santi che si festeggiano il 9 e il 14 agosto. La prima è Santa Benedetta Teresa della Croce, il cui nome laicale, quand’era brillante studiosa, e allieva di Edmund Husserl, fu Edith Stein. Il secondo è Massimiliano Kolbe, frate francescano. Entrambi morirono nel campo di concentramento di Auschwitz. Il corrispondente dal sottosuolo per ora vi scriverà qualcosa sulla prima. Edith Stein era ebrea, ben presto interessata alla filosofia, ma anche a forme di impegno sociale, tanto che entrò a far parte dell'organizzazione “Associazione Prussiana per il Diritto Femminile al Voto”. Più tardi espresse un pensiero che denota già in un modo magnificamente compiuto la sua personalità: “Quale ginnasiale e giovane studente fui una radicale femminista. Persi poi l'interesse a tutta la questione. Ora sono alla ricerca di soluzioni puramente obiettive”. La sua tesi di laurea riguardò l’empatia e nelle ultime pagine scrisse: “Ci sono stati degli individui che in seguito ad un'improvvisa mutazione della loro personalità hanno creduto di incontrare la misericordia divina”. Si convertì al cattolicesimo, iniziando un percorso interiore rivelato da riflessioni successive potenti come questa: “Durante il periodo immediatamente prima e anche per molto tempo dopo la mia conversione ... credevo che condurre una vita religiosa significasse rinunciare a tutte le cose terrene e vivere solo nel pensiero di Dio. Gradualmente però mi sono resa conto che questo mondo richiede ben altro da noi ... io credo persino: più uno si sente attirato da Dio e più deve "uscire da se stesso", nel senso di rivolgersi al mondo per portarvi una divina ragione di vivere”. Divenuta carmelitana, e assunto il nome di Benedetta Teresa della Croce, sull'immagine devozionale della professione perpetua dei voti il 21 aprile del 1938 fece stampare le parole di San Giovanni della Croce: “La mia unica professione sarà d'ora in poi l'amore”.

Quando, a novembre, prima della pandemia, ho visitato il campo di Auschwitz, ho perso il gruppo con la nostra guida proprio mentre entravano a osservare le camere a gas. Mi smarrii tra gli edifici dai mattoni rossi, dall’aspetto rassicurante, e ero in ansia, come se quel luogo potesse farmi del male. Deportata dall’Olanda il 7 agosto 1942, suor Teresa Benedetta della Croce morì in quelle camere a gas il successivo 9 agosto. Quando penso alla sua storia, ricordo le parole dedicatele dal prof. Jan Nota: “Per me lei è, in un mondo di negazione di Dio, una testimone della presenza di Dio”.

In occasione della sua beatificazione, il primo maggio 1987, Giovanni Paolo II si rivolse alla “figlia d’Israele, che durante le persecuzioni dei nazisti è rimasta unita con fede ed amore al Signore Crocifisso, Gesù Cristo, quale cattolica ed al suo popolo, quale ebrea”.

Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato

Marzo 31, 2021

La Bellezza e il tempo

Marzo 31, 2021

Pulire lo specchio

Marzo 31, 2021

Nuove visioni di Bellezza

Marzo 31, 2021

L’insostenibile bellezza delle donne

Marzo 31, 2021

Breve catalogo delle bellezze mondane

Marzo 31, 2021

L’esperienza del bello

Marzo 31, 2021

Il senso imperfetto e meraviglioso della bellezza

Marzo 31, 2021

Il busto che resta

Febbraio 28, 2021

L’idea e l’immagine del giudice-Febbraio 2021

Febbraio 28, 2021

La bilancia divina e umana

Febbraio 28, 2021

Il giudice e la carriera. Un ossimoro.

Febbraio 28, 2021

La mia idea di magistrato. Lettera da un cittadino.

Febbraio 28, 2021

Il pezzo di carta e il ruolo del giudice

Febbraio 27, 2021

L’assenza di pregiudizi

Febbraio 27, 2021

La giurisdizione diffusa dei giudici “senza qualità”

Febbraio 27, 2021

Essere magistrati

Febbraio 27, 2021

Il tempo e la comunità

Febbraio 27, 2021

Il senso innato della giustizia

Febbraio 27, 2021

Il pulcino e il magistrato

Febbraio 27, 2021

Volevo fare l’archeologo (forse)

Febbraio 27, 2021

Le regole, la persona, la Nuda Veritas

Febbraio 27, 2021

Solo la credibilità genera fiducia

Gennaio 31, 2021

Cominciate col fare…

Gennaio 31, 2021

La nostalgia è presenza!

Gennaio 31, 2021

Mezzanotte a metà

Gennaio 31, 2021

BIS!

Dicembre 30, 2020

La solitudine di Palazzo Penne

Dicembre 30, 2020

Riflessioni di un “solitante”

Dicembre 30, 2020

Feti adulti nella logica “del mondo” e nell’universo sublime