Apeiron - mare e libertà


 

di Ferruccio Mazzanti

La scuola di Mileto è celebre per essere stata la culla della filosofia. Tra i pochi pensatori che ci sono stati tramandati c'è Anassimandro, considerato il primo autore di testi scritti a tema filosofico. Tali testi sono così antichi – stiamo parlando di un periodo a cavallo tra il 600 e il 500 a.C., ovvero circa 2600 anni fa – che gli storici e i filologi si sono interrogati per molti anni sul significato delle parole che Anassimandro usava, senza mai ottenere nessuna sicurezza definitiva, anche se si è imposta l'idea che il concetto principe delle sue teorie, l'apeiron, significasse letteralmente infinito, derivando da ἄπειρος o ἀπείρων, composto da ἀ- privativa e da πεῖραρ, limite o fine. Dunque, ovviamente, l'origine di ogni cosa va ricercata nel senza fine.

Partendo dal presupposto che questa è indubbiamente l'interpretazione più vicina all'intento filosofico di Anassimandro, nel novecento sono state avanzate altre teorie alternative, una delle quali è sicuramente sbagliata, ma a cui io sono attaccato affettivamente per la relazione strana che determina tra mare e libertà, ovvero l'idea proposta da Giovanni Semerano per cui apeiron deriverebbe da eperu, che vuol dire polvere, terra.

Mileto era una ricca città greca posizionata vicino alla costa (oggi) turca sul Mar Egeo. Era quindi una città caratterizzata da imprese mercantili e dunque da navigatori esperti. La navigazione che veniva compiuta era principalmente a vista, trattandosi di un mare, l'Egeo, caratterizzato da un'alta densità di terre e isole in uno spazio relativamente piccolo (e d'altro canto ovviamente non avevano ancora sviluppato tecniche di navigazione basate sulla matematica, ça va sans dire), ma col crescere degli scambi commerciali era altrettanto importante realizzare delle carte nautiche che permettessero ai marinai di muoversi con più sicurezza su distanze sempre più importanti. I mercanti verosimilmente iniziarono a disegnarle, costeggiando pazientemente la terra.

Quando si è in mare e si osserva da una certa distanza la lingua di terra che si vuole studiare per renderla nota, si scoprirà con una certa facilità che quella terra di fronte a noi è ben chiara, ma se spostiamo il nostro sguardo ai suoi lati, essa tenderà a sfumarsi e piano piano a scomparire nella lontananza a causa dei limiti percettivi dei nostri occhi e di alcune leggi fisiche al tempo ampiamente sconosciute. Tuttavia, proseguendo la navigazione parallela alla costa, la parte precedentemente sfumata tenderà a diventare nitida, mentre l'invisibile che stava oltre il limite delle nostre possibilità si farà sfumato. Questo processo, se stiamo navigando a vista della terra ferma (e non di qualche piccola isola), può determinare in noi uomini del 2600 a.C. la convinzione che quella terra sia illimitata. Dunque l'apeiron come l'illimitata terra da cui proveniamo e a cui dovremmo tornare.

La filosofia di Anassimandro è caratterizzata da un movimento di separazione tra l'apeiron e i singoli enti – qualsiasi cosa che abbia una determinazione individuale – tra i quali ci siamo noi. Tale separazione fa sì che in quanto individui sia possibile vivere questa esistenza che viviamo, ma dato che abbiamo spezzato l'unità della nostra origine, dobbiamo pagarne le conseguenze con la morte, che ci permetterà di riunirci a quell'uno da cui proveniamo. La concezione dell'esistenza di Anassimandro è legata a leggi da cui non possiamo scappare, quasi come se esistesse una giurisprudenza celata nel cosmo, ma dal momento in cui noi iniziamo ad esistere, nel periodo in cui esistiamo, abbiamo momentaneamente sospeso questa giurisprudenza ontologica e siamo divenuti liberi di essere in quanto individui. Se apeiron volesse dire terra, allora il fio da pagare consisterebbe nel ritornare alla terra, ma il mare, il viaggiare per mare, rappresenterebbe quel momento in cui possiamo finalmente esistere. Poi scompariremo riunendoci alla nostra origine, ma per quel breve momento che ci è concesso potremo essere noi stessi, che navighiamo felici e liberi in mare. Peccato che tutto questo sia solo una suggestione basata su un etimo sbagliato.
 
Luglio 30, 2021

Il mare e la libertà

Luglio 30, 2021

La fatica del mare

Luglio 29, 2021

Aleph: insospettabile manifesto non aritmetico di giustizia libera

Luglio 28, 2021

Il confine tra libertà e solitudine

Luglio 28, 2021

La disciplina del mare

Luglio 27, 2021

Apeiron – mare e libertà

Luglio 27, 2021

Riviera

Luglio 26, 2021

Il mare dà libertà e libertà toglie

Luglio 26, 2021

La musica e il mare

Luglio 26, 2021

La libertà è dentro il mare

Giugno 9, 2021

Il diritto di opporsi

Giugno 9, 2021

L’opposizione nella scacchistica tradizionale e nel diritto moderno

Giugno 2, 2021

Diritto di opporsi, o dovere?

Giugno 2, 2021

Io mi oppongo!

Giugno 1, 2021

Coraggio, generosità e speranza

Giugno 1, 2021

Opporsi è reazione

Giugno 1, 2021

Triello

Giugno 1, 2021

Corpo libero

Maggio 2, 2021

Trasmettere conoscenza

Maggio 1, 2021

La conoscenza per la vittoria

Maggio 1, 2021

La conoscenza del giardino

Maggio 1, 2021

La passione del professore mancato

Maggio 1, 2021

Nuove rotte per librai e lettori

Maggio 1, 2021

– FOR WHOM THE BELL TOLLS – (A proposito di Autori e Lettori)

Aprile 30, 2021

Di Palantir, vaccini e nonne

Aprile 30, 2021

Il mito di Prometeo: una storia in bilico tra passato e futuro

Aprile 30, 2021

Svuotare il mare con il cucchiaio, con convinzione

Aprile 30, 2021

Contro l’appiattimento delle differenze. Il ruolo delle librerie di proposta nella trasmissione della conoscenza

Aprile 30, 2021

Padri e figli

Aprile 5, 2021

La bellezza di Fiamma Pintacuda

Marzo 31, 2021

Bellezza

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’ortodossia e nella cultura della Russia

Marzo 31, 2021

La bellezza di tutti

Marzo 31, 2021

Cielo profondo

Marzo 31, 2021

La bellezza nell’amicizia di Paolo Isotta

Marzo 31, 2021

La bellezza è il postulato