Sguardo critico globale


 

di Raffaella Ghionna

Uno sguardo critico non giudica i successi o i fallimenti di questo o quel governo. Uno sguardo critico serve ad evidenziare le cause della situazione che stiamo vivendo. Oggi coloro che elaborano il pensiero critico non sono autorevoli intellettuali, ma il popolo, le organizzazioni, i movimenti.

La pandemia è stato un terremoto che ci ha portato su sentieri nuovi favorendo un ripensamento del nostro vivere su diverse dimensioni. Uno shock che ha trasformato le nostre vite e ci ha costretto a guardare le cose da un altro punto di osservazione, aiutandoci a sviluppare considerazioni che possono modificare il nostro modo di vivere e le nostre priorità. Il Covid-19 è un’esperienza globale, una terribile esperienza sociale di portata planetaria.

Natura e cultura sono fortemente intrecciate. Il Covid-19 non è però un ‘cigno nero’ perché la storia dell’umanità è storia di conflitti, di pandemie, epidemie: la peste manzoniana del ‘600, l’aviaria, la Sars. Un primo sguardo critico è che il Covid-19 è il primo caso che coinvolge tutta l’umanità in virtù di una costellazione di circostanze naturali e sociali. Nel vortice della tempesta si intravede un nuovo modello: ‘una sola umanità, un solo pianeta’.

Un secondo sguardo è che il ‘cigno nero’ ha esaltato e demonizzato la scienza. La pandemia fa emergere fiducia nel sapere scientifico. La fiducia è rivolta ai protagonisti: virologi, immunologi, epidemiologi. Come spesso accade, alla santificazione della scienza succede la sua demonizzazione con il sopravvento delle culture sub-populiste dei no-vax che stanno determinando il collasso di qualsiasi pensiero critico. Così, quando si è alle prese di un problem solving non di routine, l’incertezza intacca in modo sbagliato la fiducia scientifica. Da qui nascono tensioni sociali.

Nelle differenti fasi della pandemia assistiamo a cambiamenti dell’agenda politica. La priorità della sicurezza e della tutela pubblica è ora in contrasto con le finalità economiche che coinvolgono imprese e lavoratori. E’ l’eterno gioco tra politica e comunità scientifica. Certamente un grande problema che si è sollevato è il contemperare la sicurezza di tutti con il singolo arbitrio del singolo. Se il 67% della popolazione è favorevole al green-pass con un 12% di indecisi e un 27% di no-vax (sondaggio di Pagnoncelli per la 7Tv), questi ultimi non possono pretendere di determinare ‘scelte pericolose’ per la salute collettiva. La democrazia impone che a prevalere sia la volontà della maggioranza.

Mi chiedo ancora guardando criticamente il mondo: vi è correlazione tra la pandemia ed i cambiamenti climatici? Non abbiamo risposta certa! La deforestazione selvaggia, gli uragani nel sud Italia sono alcuni degli esempi più vistosi e significativi del cambiamento climatico, ma al di là di questa affermazione non si può andare. Certamente il Covid-19 e i cambiamenti climatici hanno mostrato la nostra vulnerabilità e la nostra fragilità. Noi siamo corpi e apparteniamo alla Terra. Non siamo i signori dell’Universo e non siamo soli. Di certo si dovrà convergere sul concetto che le politiche di ricostruzione dovranno mirare al perseguimento di obiettivi sociali favorevoli a tutte le popolazioni del globo.
 
Maggio 9, 2022

L’associazionismo giudiziario in Europa, il pluralismo culturale e il paradosso italiano

Maggio 5, 2022

Trattare l’essere umano strategicamente

Maggio 4, 2022

La libertà e lo Stato indifferente

Gennaio 26, 2022

Brevi variazioni napoletane semi-serie sullo sguardo critico

Gennaio 26, 2022

Sguardo critico

Gennaio 25, 2022

Io so tutto (alla ricerca dello sguardo critico)

Gennaio 18, 2022

Lo sguardo critico del demone interiore

Gennaio 18, 2022

Sguardo critico globale

Dicembre 27, 2021

Banalmente crudeli

Dicembre 23, 2021

Lo sguardo disperso

Dicembre 22, 2021

ATTENDERE LA SCARICA DI DOPAMINA

Dicembre 22, 2021

Cos’è, lo sguardo critico

Dicembre 22, 2021

Lo sgabello

Dicembre 14, 2021

Umami. Il nuovo senso critico

Dicembre 14, 2021

Miopia endemica

Dicembre 14, 2021

Per farci tornare a quel che siamo

Novembre 30, 2021

La cura dello sguardo

Ottobre 4, 2021

Come ho spiegato ad una bambina (mia nonna malata di Alzheimer) che stava per morire

Ottobre 2, 2021

L’enigma del tempo

Ottobre 1, 2021

“Creatio continua” e memoria

Ottobre 1, 2021

Dissolvenze

Ottobre 1, 2021

Tempo possibile e tempo impossibile

Settembre 29, 2021

Il tempo immaginato

Settembre 29, 2021

Bianca

Settembre 29, 2021

Risorse del tempo

Settembre 28, 2021

Segni del tempo

Settembre 28, 2021

Io, Edipo e la Sfinge

Settembre 28, 2021

Esiste il tempo?

Settembre 28, 2021

Non puoi uccidere il tempo col cuore

Luglio 30, 2021

Il mare e la libertà

Luglio 30, 2021

La fatica del mare

Luglio 29, 2021

Aleph: insospettabile manifesto non aritmetico di giustizia libera

Luglio 28, 2021

Il confine tra libertà e solitudine

Luglio 28, 2021

La disciplina del mare

Luglio 27, 2021

Apeiron – mare e libertà

Luglio 27, 2021

Riviera